iscriviti alla newsletter    

 
ULTIME NOTIZIE

CONVEGNO, WEB e PSICOLOGIA

Archivio Archivio

NATIVI DIGITALI

I giovani di oggi sono nati in piena fase digitale, non hanno subito quel digital device comune nelle generazioni passate e sono sicuramente un passo avanti per quanto riguarda il senso di condivisione e di sponsorizzazione di se stessi. Di conseguenza i loro valori sono cambiati e se prima trovavamo ai primi posti l’importanza della famiglia adesso troviamo gli amici e il desiderio di apparire. Con gli amici hanno un rapporto quasi morboso, si scrivono continuamente, usano un linguaggio più adatto ad una relazione amorosa che amicale e condividono tutto, dal momento in cui si svegliano seguito dai più piccoli dettagli fino alla buonanotte e al saluto prima di rivedersi, dopo poche ore, a scuola. Anche il loro linguaggio è cambiato molto, hanno trasformato la lingua base in abbreviazioni incredibili di parole, inizialmente per economicità poi per moda, così da risultare quasi incomprensibili. Le emozioni sono state condensate e trasformate in immagini, le emoticon , immediate ed efficaci oramai usate come intercalare tra le parole, come a voler trasmettere in ogni momento il proprio stato d’animo. Sono figli di uno stereotipo di superficialità nell’apparire e nell’essere e così si dimostrano anche a scuola, compaiono ogni giorno foto durante le lezioni mentre scherzano o fanno qualcosa di buffo, da un disegno alla lavagna alla foto alla compagna o al compagno che si è addormentata/o durante la lezione. Devono mostrare tutto di se agli altri, tutto il loro voler apparire e la loro curata esteriorità. Questo morboso desiderio di comunicare evidenzia già un problema di per sé ma se viene portato all’estremo, per altri scopi e non per pura volontà di condivisione, può sfociare in cyber bullismo. Quanti gruppi sui social network sono nati da idee fin troppo bizzarre, a partire dal disprezzo per le altre etnie piuttosto che verso le persone disabili, dal maltrattamento degli animali all’esaltazione di fatti di cronaca con l’ausilio di immagini a dir poco macabre. Danno fuoco ad animali, fabbricano bombe per poi vedere “l’effetto che fa”, parlano in modo sconsiderato urtando spesso e volentieri la sensibilità degli altri e dimostrano di non avere rispetto per niente e per nessuno. Ovviamente questi gruppi vengono censurati quasi immediatamente su segnalazione ma è nostro dovere chiederci: che cosa ci vogliono comunicare questi giovani? Giovani ai quali solitamente non manca niente e si ritrovano a fantasticare così tanto nella loro culla di noia da far nascere le idee più astruse che rimangono vive e incontrastate, spesso a causa di una guida genitoriale pressoché assente o comunque poco autorevole. Sono figli di “uomini e donne”, tronisti e veline, costretti in corpi di adolescenti che urlano voglia di popolarità a qualsiasi costo. Come possiamo cercare di riportarli a una visione normale della realtà? Dovrebbero reimparare a condividere solo il condivisibile rispettando la morale comune e cercare di affrontare in modo diverso e più maturo ciò che li preoccupa, li disturba o li attrae. I nuovi mezzi di comunicazione sono utili e fondamentali per la condivisione nel mondo globale, sta solo a noi saperli usare nel modo giusto.


Fonte: Onap


sabato 19 agosto 2017
GENITORI CONSAPEVOLI
Blog di Mamma Dolce
GRAFOLOGIA
Associazione Grafologi Professionisti
ISTITUZIONI
Garante della Privacy
Ministero della Giustizia
Ministero della Salute
Parlamento
PSICOLOGIA
E.N.P.A.P
Ordine Nazionale degli Psicologi
Ordine Psicologi Regione Toscana
Tariffario Ordine Psicologi
SCUOLA
A.N.D.I.S.
Provveditorati in Italia


"Nella vita, la libertà di espressione e di sperimentazione
è indissociabile dalla Ricerca della Verità"